Figlio di Giovanna Nardi e David Fucini, un medico della commissione governativa delle febbri malariche, trascorse gli anni della fanciullezza a Campiglia Marittima, in Maremma. Frequentò le scuole elementari dai Barnabiti a Livorno. Difficoltà finanziarie spinsero la famiglia a ritirarsi nell’abitazione avita di Dianella. In seguito, quando il padre ottenne la condotta a Vinci, Renato poté studiare privatamente a Empoli. Nel 1863 si laureò in Agraria all’Università di Pisa, dopo aver lasciato gli studi di Medicina, e iniziò a lavorare come aiuto nello studio tecnico di un ingegnere fiorentino. Nello stesso periodo cominciò a frequentare uno storico locale, oggi scomparso, il Caffè dei Risorti, dove, prendendo spunto da vari episodi tragicomici narrati da alcuni frequentatori, iniziò a comporre sonetti.

Grazie a questi componimenti cominciò a farsi conoscere come poeta e nel 1871 uscirono i suoi “Cento sonetti in vernacolo pisano“. Esordì come prosatore nel 1877 con un reportage su Napoli (“Napoli a occhio nudo: Lettere ad un amico“). In seguito al successo letterario, si dedicò all’insegnamento, diventando professore di Belle Lettere a Pistoia e successivamente ispettore scolastico. A quest’ultima attività sono legate le novelle della raccolta “Le veglie di Neri” (1882)[1], ambientate prevalentemente in Maremma; come pure le successive raccolte “All’aria aperta” e “Nella campagna toscana“. I motivi prediletti sono quelli della vita agreste nelle zone che Fucini conosceva meglio: la Maremma e i borghi dell’Appennino pistoiese.

Dopo aver lavorato alcuni anni presso la Biblioteca Riccardiana di Firenze, nel 1906 fu messo in pensione, trascorrendo gli ultimi anni della sua vita tra la residenza di Dianella e quella di Castiglioncello, intrattenendo fitti e stretti legami con amici ed ex colleghi. Nel 1916 venne eletto socio dell’Accademia della Crusca[2]. La morte lo colse il 25 febbraio del 1921.

Titoli in catalogo:

Le veglie di Neri (2019)